Come semplificare le scale sul basso: la soluzione definitiva!

Chi non vorrebbe riuscire a suonare il basso con grande libertà, realizzando assoli e linee in maniera sciolta, fluida e soprattutto veloce?

Credo che questo sia l’obiettivo di qualsiasi bassista con un minimo di ambizione che non si accontenta di usare le solite 2 note che fanno tutti.

E come si fa? Da un certo punto di vista sembra difficilissimo perché non è che le mani si “slegano” in un attimo.

Ma in realtà, se togli tutti le cose inutili e vai all’osso della questione, c’è un’unica cosa che devi saper fare molto ma molto bene: riuscire a trovare al volo le scale e gli arpeggi che ti servono.

Non è molto più complicato di così! Tutta la musica è formata da note “prese” da una scala. Possono essere pezzi di scala, arpeggi, salti o cromatismi. Ma sempre di scale si tratta. Che tu ne sia cosciente o no, tutta la musica funziona così.

Quindi più sai suonare scale e arpeggi con fluidità e scioltezza, meglio riesci ad improvvisare, comporre o rifare le bass line dei tuoi bassisti preferiti.

Come suonare in modo semplice e veloce scale e arpeggi su tutta la tastiera del basso?

Molto facile, con il sistema che ti propongo. Il segreto del basso è conoscere i 4 tipi di forme:

  1. forme base
  2. forme orizzontali
  3. forme verticali
  4. forme oblique

Guarda subito questo video tratto dal corso Bassista Contemporaneo Online proprio dedicato alle forme, così ti prepari ad entrare nel vivo dell’articolo.

Buona visione!

Le forme sono il modo più chiaro e completo di visualizzare sul basso il materiale armonico e melodico, ovvero le note delle scale o degli arpeggi, e sono un elemento fondamentale del corso Bassista Contemporaneo Online. Anzi, se veramente vuoi impadronirti delle forme, questo è l’unico corso di basso (per lo meno in italiano) che ti permette di impararle tutte in maniera così precisa ed efficace.

Le forme sono rappresentazioni grafiche, ovvero disegni sulla tastiera del basso, che puoi immaginare visivamente come se si illuminassero i tasti del basso corrispondenti alle note che stai suonando.

Quando visualizzi mentalmente le forme, puoi semplicemente pigiare le note con qualsiasi dito ti sia comodo in quel momento. Esistono delle diteggiature più comode e altre meno comode per ogni forma che usi, ma per ora non preoccuparti del dito che usi. Il primo obiettivo è suonare la nota giusta nel momento giusto, il dito che usi è secondario come importanza.

Bassista-contemporaneo-online-banner-piccolo

Le forme in pratica: cosa devi sapere?

Vediamo questi 4 tipi di forme applicandole alla scala più semplice, quella di C maggiore. Ho inserito un po’ di commenti per farti capire quanto sia importante avere sotto controllo tutti i tipi di forme.

Unico punto da sottolineare: cerca di non suonare in maniera meccanica, come se pigiassi dei bottoni e basta. Al contrario, sforzati sempre di ragionare sul suono che uscirà e sul nome delle varie note, inserendole nel contesto armonico appropriato.

Usare le forme senza metterle in relazione con l’armonia e col suono reale che ne uscirà è un po’ pericoloso: è come guidare su una strada modificata di recente, avvolti nella nebbia più fitta e col navigatore satellitare non aggiornato. Il rischio è tanto!

Questo è anche il motivo per cui le forme non sono inserite a caso nel corso Bassista Contemporaneo Online, al contrario sono distribuite in un ordine ben preciso all’interno di specifiche lezioni, come scoprirai continuando a leggere.

1. Forme base

Ecco come la forma base delle scala maggiore di C si sviluppa in due forme, cioè la a e la b. La maggior parte dei bassisti conosce solo la forma a, ma se impari anche la b ti si aprono una serie di possibilità comodissime per arrivare a lavorare subito sulle forme orizzontali, con enormi vantaggi.

Figura 1

Geometrie-sul-basso-figura-1

La forma base è appunto la base del ragionamento, cioè la visualizzazione più semplice ma anche la più importante possibile per creare un solido fondamento su cui costruire le altre forme.

La prima presentazione della forma base si trova alla lezione 7 del Bassista Contemporaneo Online e da lì la si applica per tutto il corso su scale, intervalli, arpeggi…

a. Caratteristiche sul basso:

La forma base delle scale e degli arpeggi è facilissima da ricordare e da suonare. Si sviluppa su una sola ottava, quindi non si estende oltre le sette note diatoniche.

Cioè per la scala di C sarà: C D E F G A B C, se la fai relativa ad un arpeggio prenderai il C E G di quella forma per la triade, oppure C E G B per l’accordo di settima.

b. vantaggi:

La forma base è veloce da imparare e facile da visualizzare e da suonare perché è piccola e compatta. Ti permette di suonare subito scale o arpeggi in qualsiasi genere musicale, quindi è proprio il primo mattone che ti serve per fare le cose in maniera semplice ed immediata.

c. svantaggi:

Lo svantaggio più grande è la limitatezza di possibilità melodiche, visto che la si tende a suonare con una diteggiatura abbastanza fissata. In pratica, proprio perché è facile da ricordare e suonare, la usano un po’ tutti e dopo un po’ rischi di suonare come gli altri bassisti.

Non so per te, ma per me suonare come tanti altri è un po’ limitativo… Poi ogni bassista ha un proprio metro di valore per quel che riguarda la ricerca di originalità. Ma visto che la forma base è il primo tassello, e ce ne sono altri 3 che ti aprono a infinite possibilità, perché fermarsi qui?? E infatti nel corso Bassista Contemporaneo le vediamo tutte, come sanno benissimo i miei allievi!

d. applicazione:

La forma base è ottima da usare su brani pop dove serve un basso chiaro e non troppo espressivo, tipico della musica leggera. Con questa forma risulta infatti difficile fare glissati, portamenti e molte acciaccature perché la mano è molto statica. Il problema è che appunto si sacrifica un po’ una delle caratteristiche più importanti del basso che gli altri strumenti (tipo tastiera o sax) non riusciranno mai a fare.

2. Forme orizzontali

Le forme orizzontali sono 5 e conviene numerarle partendo dalla scala maggiore di C, nello specifico dalla più arretrata che è in I capotasto.

La maggior parte dei bassisti non conosce queste forme che si ottengono ampliando il concetto di forma base maggiore e derivata minore. Quindi se tu le impari, già sei più avanti rispetto all’80 % della media dei tuoi colleghi!

Figura 2

Geometrie-sul-basso-figura-2

Una volta posizionate le forme base, quelle orizzontali si ottengono allargando il ragionamento su tutte le corde (4, 5 o 6 a seconda del tipo di basso che hai).

La prima presentazione parte dalla lezione 17 del Bassista Contemporaneo Online e da lì la si applica in tutto il corso su scale, intervalli, arpeggi…

a. Caratteristiche sul basso:

Anche se all’inizio può sembrare complicato imparare 5 forme differenti, dopo 2/3 settimane di studio serio con il Bassista Contemporaneo ogni studente arriva a suonare tutte le tonalità in tutte le parti delle tastiera.

In pratica, lavorandoci un po’, dopo 20 giorni cominci a suonare su tutto lo strumento in maniera molto libera.

b. vantaggi:

Quando riesci ad avere un po’ di pratica sulle forme orizzontali, non solo hai a tua disposizione tutte le tonalità per improvvisare, ma puoi sfruttare queste forme per facilitarti tantissimo anche nella lettura. Chiaramente le forme orizzontali ti danno dei grandi vantaggi se sai posizionare bene le mani riferendoti alle forme base.

c. svantaggi:

Dopo il primo periodo di apprendimento, queste forme non hanno nessun tipo di svantaggio. Nessun limite alle tue melodie visto che le diteggiature possibili sono praticamente infinite. A livello melodico hai possibilità illimitate, dipende tutto dalla tua fantasia.

d. applicazione:

Sono usabili su qualsiasi genere (blues, jazz, rock…), si possono fare glissati, portamenti e acciaccature perché la mano è libera di muoversi sulla tastiera.

Bassista-contemporaneo-online-banner-piccolo

3. Forme verticali

Ecco come sono sviluppate le forme verticali della scala maggiore di C. Per concepire le forme verticali è utile usare il concetto di tetracordo su una corda.

Nel totale delle note di una scala maggiore si usano 4 tetracordi:

  • tetracordo maggiore (C D E F, ovvero Tono + Tono + Semitono)
  • tetracordo minore (D E F G, ovvero Tono + Semitono + Tono)
  • tetracordo frigio (E F G A, ovvero Semitono + Tono + Tono)
  • tetracordo eccedente (F G A B, ovvero Tono + Tono + Tono)

Accoppiando i tetracordi ottieni:

  • due tetracordi maggiori formano la scala maggiore
  • due tetracordi minori formano il modo dorico
  • due tetracordi frigi formano il modo frigio
  • un tetracordo eccedente e un maggiore formano il modo lidio
  • un tetracordo maggiore e uno minore formano il modo misolidio
  • un tetracordo minore e uno frigio formano il modo eolico
  • un tetracordo frigio e uno eccedente formano il modo locrio

Figura 3 – relativa al C maggiore (ionio) e al G misolidio

Geometrie-sul-basso-figura-3

La prima presentazione parte dalla lezione 39 del Bassista Contemporaneo Online (Volume 2) e da lì la si applica per tutto il corso su scale, intervalli, arpeggi….

a. Caratteristiche sul basso:

Le forme verticali delle scale e degli arpeggi sono più difficili delle altre viste finora. Questo perché richiedono una capacità di visualizzare sullo strumento molto sviluppata.

Ma seguendo punto per punto lo studio del Bassista Contemporaneo arrivi anche tu a suonare questo tipo di forme, soprattutto perché hai studiato nel dettaglio le posizioni delle note sullo strumento e i concetti armonici avanzati.

b. vantaggi:

Queste forme sono fantastiche per suonare assoli o melodie che richiedono grande espressività, ovvero grande uso di glissati, portamenti e molte acciaccature.

c. svantaggi:

Chiaramente, oltre alla difficoltà di memorizzazione di queste forme, c’è anche il fatto che la mano è continuamente in movimento sulla tastiera. Questo svantaggio è però ripagato dall’espressività, dal feeling che si ottiene col loro uso.

La tipica cantabilità dei soli di contrabbassisti come David Holland, Eddie Gomez, Scott la Faro, Gary Peacock richiede un uso di forme verticali e oblique. Se poi suoni il fretless queste forme sono il tuo pane quotidiano.

d. applicazione:

Le forme verticali sono ottime da usare negli assoli e nelle parti dove il basso canta come uno strumento tipicamente melodico tipo sax o tromba.

4. Forme oblique

Le forme oblique sono uno sviluppo delle forme verticali. Anche qui per concepire le forme oblique è utile usare il concetto di tetracordo ma sviluppandolo su due corde vicine.

Figura 4

Geometrie-sul-basso-figura-4

La prima presentazione parte dalla lezione 41 del Bassista Contemporaneo Online (Volume 2) e da lì la si applica per tutto il corso su scale, intervalli, arpeggi…

a. Caratteristiche sul basso:

Le forme oblique hanno il vantaggio di comportarsi a metà tra le verticali e le orizzontali.

b. vantaggi:

Queste forme sono bellissime per suonare soli o melodie che richiedono grande espressività, in più sono anche comode tecnicamente perché possono portarti a spostamenti morbidi sulla tastiera e contemporaneamente all’uso di glissati, portamenti e acciaccature.

c. svantaggi:

Una volta acquisita scioltezza con le altre forme, le forme oblique non hanno svantaggi di nessun tipo. Sia per melodie, sia per accompagnamenti.

d. applicazione:

Le forme oblique sono ottime da usare nei soli e nelle parti dove il basso canta come uno strumento tipicamente melodico tipo sax o tromba.

Contemporaneamente suonano alla perfezione per walking e bass line funk e blues. Sono veramente una fonte infinita di spunti per creare linee sempre diverse e originali. Per fortuna, sono pochi i bassisti che lavorano con padronanza questo tipo di forme!

Attento a un particolare!

Non so se hai notato che i nomi di forme orizzontali/verticali sembrano in contraddizione con la loro vera applicazione sul basso elettrico. Il fatto è che ho derivato questo modo di chiamarli dallo studio del contrabbasso, dove il manico è in posizione verticale.

Quindi, anche se orizzontale e verticale sono l’esatto opposto tra basso e contrabbasso, il loro uso e i loro vantaggi sono veramente rivoluzionari su tutti gli strumenti a corda.

Le forme in azione: dimostrazione pratica.

In questo video ti faccio vedere un’applicazione completa dei 4 tipi di forme. Suono su un armonia che alterna Cm7 e F7, quindi uso le forme in Bb maggiore che è il centro tonale che deriva dai due accordi.

Se vuoi ulteriori informazioni su cosa uso nel video leggiti anche il relativo articolo: [5 scale che ti cambiano la vita] La scala maggiore con una marcia in più.

Se poi vuoi imparare alla perfezione e senza fatica tutti i tipi di forme, segui il corso Bassista Contemporaneo Online che ti porta passo per passo a sviluppare tutto questo materiale senza dubbi e difficoltà fino a un livello di maestria molto elevato.

tiziano

Bassista-contemporaneo-online-banner-piccolo

3 pensieri su “Come semplificare le scale sul basso: la soluzione definitiva!

  1. Ciao Tiziano avrei una domanda in merito alle forme applicate ad un 6 corde e cioè facendo il ragionamento a partire dalla forma base è normale che tutte le forme abbiano da coprire 5 tasti ? Mi spiego meglio nella prima forma di C è corretto estendere la forma sulla corda G fino al B e quindi sulla corda C fino al E ? Oppure devo applicare un ragionamento diverso ?
    Grazie
    Massimo

    "Mi piace"

    • Il tuo ragionamento è perfetto, devi estendere le forme come nella lezione 17 del Bassista Contemporaneo su tutte le 6 corde. L’applicazione è molto facile se conosci bene le forme sul 4 corde. Assicurati di aver fatto benissimo gli esercizi delle lezioni 19 e 20 a 3 e 4 note. Poi vedrai che allargare lo stesso concetto al 6 corde sarà facilissimo. Ciao. tiziano

      "Mi piace"

      • Grazie mille Tiziano è un riscontro utilissimo per me . Ti rinnovo i complimenti per il tuo splendido lavoro del BC
        a presto
        Massimo

        "Mi piace"

Rispondi a bestofbass Cancella risposta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.