È possibile suonare un funk o un rock in 3/4?

Ciao!

La risposta alla domanda del titolo è: sì! Così ti tolgo subito eventuali ansie… se mai ne avessi! Ma come conviene avvicinarsi al 3/4 su con un feeling rock o funk, e non cadere nel rischio di trasformarlo in un valzerino da balera? Beh, se vuoi saperlo devi leggere questo post!!

Per prima cosa ti consiglio di riguardare il precedente articolo: Il segreto per capire tempo, ritmo e poliritmi: indizio 1. Poi ti ricordo che mesi fa ho dedicato un articolo a quella tipologia di jazz tunes scritti in 3/4 e conosciuti come jazz waltz. Ecco il link: Very Early di Bill Evans, un’ottima occasione per una bass line e un assolo in 3/4.

In questo articolo restiamo sempre sul 3/4, però vorrei mostrare un esempio di applicazione del 3/4 come tempo semplice, non swing, da usare su brani funk o rock. Usato in questo modo, infatti, il 3/4 permette di capire meglio la realizzazione dei tempi dispari o irregolari. Ecco un esempio musicale, tratto dal secondo volume del bassista contemporaneo (il link si apre in una nuova finestra, la linea che suono è riportata più avanti).

Basso in 3-4 ritmo rock funk

Di solito nel 4/4 gli accenti dei quarti sono distribuiti come in figura 1.
Figura 1
Tempo di 4/4

Dove:

  • f significa accento forte, di solito suonato dalla cassa della batteria
  • d significa debole ed è suonato dal rullante
  • mf significa mezzoforte ed è spesso suonato dalla cassa

Gli accordi nella maggior parte dei casi cambieranno sull’accento forte o sul mezzoforte, quindi in coincidenza della cassa.

Nel tempo di 3/4 l’accento forte è il primo, mentre gli accenti deboli sono il secondo e il terzo, come puoi vedere nella figura 2.
Figura 2
Tempo di 3/4

In questo tempo la cassa della batteria è spesso sul 1 accento e il rullante sugli altri due. Nel caso ci siano due accordi in una battuta di 3/4, in genere il primo accordo occupa il 1° movimento e il secondo accordo il 2° e 3° movimento.

Come fare per  acquisire scioltezza su questo tempo? 
Lavora in questo modo:
– Batti il tempo con le mani sul pattern della batteria o del metronomo, avendo estrema cura di sentire sempre dove cade il primo accento (= tonico), ad ogni nuovo giro.
–  Suona la linea lentamente senza usare il metronomo, ma seguendo il tempo il più regolarmente possibile.
–  Memorizza la linea e suonala con la massima precisione possibile.
–  Infine applica delle varianti, sempre mantenendo la percezione interna del 3/4.

Suona le seguenti linee in 3/4
Nella seconda riga improvvisa per tre battute utilizzando note di Cm7, ricollegandoti poi con la quarta battuta. Ripeti diverse volte le due righe. Per inciso, questa è la linea che che suono nel video.
Figura 3
Figura-3-linea-di-basso-funk

Ecco un’altra linea con un mood più rock, da praticare come la precedente.
Figura 4
Linea di basso in 3/4

Ulteriori risorse
Ti suggerisco altri due video che ho trovato molto utili per migliorare le proprie abilità sul 3/4.

1) Sintonizzati sul 3: Guardalo almeno 4 volte per esercitarti a sentire la circolarità del 3.

2) Il 3 nel funk per batteristi: In questo video Todd Walker spiega un approccio molto chiaro per realizzare un funk in 3/4. Guardalo e cerca di entrare nella mentalità di ragionamento di un batterista, cercando sempre la massima circolarità (o quadratura?) del tempo!

Per ora è tutto, alla prox!
tiziano

Vai-al-bassista-contemporaneo-2

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.