3. Impostazione fisica sulla tastiera

Ciao!

Ecco il terzo articolo dedicato al mio metodo personale per un uso chiaro e semplice della mano sinistra sul contrabbasso.

Per avere una buona precisione a livello di intonazione e qualità del suono bisogna utilizzare alcuni accorgimenti nell’impostazione, ovvero:
a. Controllo del peso del braccio sulla tastiera
b. Tracciato immaginario del pollice nel passaggio tra le tre zone
c. Punto di contatto del dito sulla corda
d. Uso del glissando

a. Controllo del peso del braccio sulla tastiera
La forza esercitata dal peso del braccio (Figura 8, zona del manico e zona del capotasto) si dovrebbe scaricare sulla punta delle dita. In questo modo il pollice nella zona delle tastiera non si oppone alla forza delle altre dita ma semplicemente segue la mano e lavora come riferimento. Così lo sforzo della mano è minimo e si riesce a suonare rilassati e senza fatica.

Figura 8

b. Tracciato immaginario del pollice nel passaggio tra le tre zone
Nel passaggio tra le tre zone il pollice, anche se nella zona del manico e dell’attacco non ha un ruolo attivo, segue un tracciato dietro il manico ed è di estrema importanza non per la pressione sulle corde ma per una sorta di riferimento mentale. Nella zona di capotasto il pollice ha una funzione ancora più importante in quanto, oltre ad indicare la posizione, serve anche per suonare direttamente le note.

La striscia rossa nelle seguenti figure rappresenta il tracciato ideale del pollice nel passaggio delle tre zone. Particolare attenzione bisogna prestare alla zona dell’attacco, dove il pollice scivola in modo morbido a fianco del manico per portarsi sopra o sotto il manico stesso a seconda dello spostamento verticale richiesto.

Figura 9

c. Punto di contatto del dito sulla corda
Vista l’ampiezza del diametro delle corde del contrabbasso, quando il dito pigia la corda non riesce a toccare contemporaneamente la parte interna ed esterna della tastiera. Pertanto, dovendo scegliere, è preferibile che il dito tocchi la parte interna della tastiera. Questo permette di ottenere una maggior sicurezza, soprattutto nella tecnica del vibrato.

Figura 10

Figura 11

d. Uso del glissando
Considerato che il contrabbasso è uno strumento senza tasti, ha bisogno di una pressione costante del dito sulla corda per tutta la durata del suono, al contrario di quello che succede sugli strumenti con tasti. Negli spostamenti la mano non deve mai essere sollevata dalla corda ma solo alleggerita. In pratica, il contrabbasso è uno strumento da suonare attraverso glissandi talmente leggeri che non vengono percepiti all’ascolto, ma che sono estremamente importanti nel pensiero del musicista.

Per passare da una posizione all’altra non si solleva mai la mano dalla corda.

Figura 12

Figura 13

Fine terza parte… ci vediamo al prossimo appuntamento!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.