Per iniziare: uso della mano sinistra

Questo è un post introduttivo, dedicato all’impostazione sullo strumento e alle sigle e simboli che utilizzo nel mio metodo di insegnamento, e che ovviamente userò anche nel Blog.

Dopo la mano destra, vediamo la mano sinistra.

Nella pratica sul basso elettrico uso tre posizioni della mano sinistra:
• Posizione su tre tasti
• Posizione cromatica
• Posizione allargata o semicromatica

Ognuna ha delle caratteristiche diverse per lo stile di musica che si suona. Comune a tutte è la posizione del pollice, che rimane a metà dell’apertura delle dita e tendenzialmente non sporge sopra il manico per evitare di sforzare inutilmente le dita estreme (1 o 4 dito).

Posizione su tre tasti
Con questa posizione si coprono tre tasti cioè su una corda l’intervallo di un tono. Le tre dita da usare possono essere 1 – 2 – 4 oppure 1 – 3 – 4. Questa posizione è la stessa usata sul contrabbasso, quindi può essere utilizzata sul basso elettrico per imitarne il fraseggio. Vantaggio di questa posizione è che la mano si mantiene rilassata. Per indicare la posizione su tre tasti uso il simbolo O attorno al numero del dito.

Posizione cromatica
In questa posizione ogni dito lavora su un tasto. La massima estensione che si può coprire su una corda è di 3 semitoni. Questa è la posizione più utilizzata sia dai bassisti sia dai chitarristi perché permette di non sforzare troppo la mano e contemporaneamente ottenere una buona estensione per eseguire scale e arpeggi. La posizione cromatica non richiede nessun segno particolare sul numero del dito.

Posizione allargata o semicromatica
Questa posizione è la più scomoda a causa dell’allargamento tra le dita estreme. L’estensione tra 1 e 4 su una corda è di terza maggiore. Di solito viene usata per fraseggiare con tre note per corda, imitando la tecnica sweep dei chitarristi. A seconda della grandezza della mano sarà possibile utilizzarla nei primi capotasti. Per indicare la posizione semicromatica uso una linea sopra il numero del dito.

Spostamenti della mano sinistra
Nella scrittura musicale si indica sempre solo il primo dito della mano sinistra che suona nel nuovo capotasto. Ogni numero sul pentagramma indica uno spostamento di capotasto, mentre tutte le altre note vengono suonate all’interno della posizione. Se il numero del dito con cui si prende il nuovo capotasto non  ha nessun segno si userà la posizione dei tre tasti, se invece sopra al numero del dito c’è il trattino si userà la posizione semicromatica.

Questo è un post introduttivo, dedicato all’impostazione sullo strumento e alle sigle e simboli che utilizzo nel mio metodo di insegnamento, e che ovviamente userò anche nel Blog.

Un pensiero su “Per iniziare: uso della mano sinistra

  1. Ciao. Finalmente un blog che parla di basso e contrabbasso. Diversi insegnanti mi hanno sempre sconsigliato la posizione su tre tasti, mentre alcuni bassisti (come Ray Reindeau) nel suo video didattico la consigliano a chi come me ha la “zampa corta”. Ora trovo un’altra conferma!!!

    Sto cominciando a familiarizzare con il contrabbasso ma lo trovo faticosissimo! È possibile che il contrabbasso del mio maestro di basso sia “troppo duro” e che ci siano degli strumenti un pò più morbidi? Ho vosto molte contrabbassiste anche giovani muoversi con una scioltezza tale che sembrava suonassero il violino.

    Ora non ho nessun problema a pensare che abbiano le dita più forti delle mie, ma il dubbio che il contrabbasso su cui ogni tanto faccio pratica sia tosto mi è venuto…

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.